Archeologia del mio fallimento – Posta del cuore

La reginetta della puntata di oggi è Carmelo un tabaccaio che mi scrive da una località della Calabria, il cui nome ricorda i pirati arabi che minacciavano di tanto in tanto l’Italia meridionale nel Medioevo. Come di consueto censuro sempre il nome di chi almeno ce lo mette, al contrario dei soliti nick anonimi. “Carmelo” è quindi da considerarsi un nome di fantasia, ma la persona e i suoi messaggi esistono davvero. La Posta del cuore è per me un’occasione meravigliosa per sviluppare riflessioni che altrimenti non mi sarebbero mai venute in mente, o almeno avrebbero richiesto più tempo per venire a galla. Ragione per cui non provo nessun astio per chi mi insulta tramite una tastiera, comprendo pienamente i problemi che stanno alla base delle loro credenze. Ma io mi occupo di debunking, non di “riprogrammazione”, concetto coniato originalmente per definire la pratica di recupero delle vittime inconsapevoli delle sette. Queste persone oggi sono meglio definite come “polarizzate”. Leggiamo il primo di tre commenti scritti da Carmelo sotto ad un video dedicato al Porno violento, dove si parla anche di Scie chimiche.

Carmelo ha qualche problema nel comprendere come funziona il mezzo in cui scrive, del resto ho notato che lascia in Rete troppi indizi su di sé, è curioso come le persone più agguerrite contro presunti complotti non abbiano alcuna cura del modo in cui si pongono negli spazi di discussione, tanto quanto nel lasciare in pubblica piazza i propri dati personali, numero di telefono incluso! E’ vero, non sono immediati da trovare, ma da uno che pensa di informarsi meglio di me in Rete mi aspetterei qualcosa di meglio. Tornando a bomba, non pretendo certo di essere il Favij del debunking, ma di risultati in questi 18 mesi (diciotto mesi) ne ho avuti a iosa. Di questo parlo meglio nel video dell’ultima puntata. Anche dare uno sguardo ai numeri dovrebbe aiutare.

Una proposta indecente – Logica e dati positivi

Nel suo secondo commento Carmelo mi fa una proposta davvero allettante. Mi invita a passare al lato oscuro della Forza. Del resto siccome ho tanto tempo da passare davanti al computer posso raccogliere le prove più in fretta di “loro”, i Sith dell’informazione, che invece devono usare solo la logica e l’intuito. Ma con la logica e l’intuito io posso anche far volare Daenerys Targaryen in groppa ad un drago, come si spiega un interessante video di Of Science & Nerd. Non è necessario dimostrare con prove la plausibilità di una scena del genere, infatti è una delle più fighe visibili in Got, mentre invece resta ancora un mistero la possibilità di Jon Snow di viaggiare da Nord a Sud di un intero continente nel giro di un cambio di inquadratura. La differenza tra un Fantasy e un documentario di Piero Angela dove magari schiva la coda di un gigantesco dinosauro, sta nella raccolta delle prove, di dati positivi soprattutto. Il nulla non può essere dimostrato e chi presenta un’accusa ha l’onere di dimostrarla. Piacerebbe a Carmelo che lo accusassi di pedofilia, fornendo immagini di bassa qualità dove si vede un suo sosia che sembrerebbe molestare bimbi nei giardinetti? E se non riesce a fornire i video di sorveglianza di negozi nelle vicinanze o altri dati positivi, come un alibi, sarebbe sufficiente a condannarlo? Non in un paese civile, magari potrebbe accadere in un Mondo abitato da “Carmeli”, cioè dove chi pensa di dimostrare un crimine pretenda di farlo chiudendosi in una stanza a guardare video e meditare sillogismi, confidando nel proprio sesto senso.

Laura, cagami!

L’ultimo commento di Carmelo è stato rimosso, ma ovviamente ne è rimasta traccia nelle notifiche della mia casella di posta. Mi piace pensare che lo abbia fatto per via di un primo acchito di coscienza e amor proprio: non solo si offende l’onorabilità del presidente della Camera, ma anche della propria “logica e intuito”, dal momento che, come dimostreremo – con logica e intuito – Carmelo da un lato crede di combattere i poteri forti, dall’altro considera segno di fallimento non farne parte. Insomma, si conferma quanto spieghiamo da anni e cioè che i problemi alla base di un credo complottista vanno ben oltre il debunking, il cui scopo è quello di informare. Mentre l’invidia sociale e la dissonanza cognitiva sono problemi che competono le istituzioni, i media di massa e gli psicologi. Oltre a questo sono già prezzolato dalla Boldrini, ma come Toy boy, ragione per cui non sembrava opportuno invitarmi alla Camera, oltre al fatto che mi occupo di bufale scientifiche, non politiche, e a rappresentare la mia categoria ci sono andati i miei maestri, cosa che mi fa sentire molto figo e orgoglioso. Mi auguro che anche Carmelo possa avere un giorno il culo cosmico di guadagnarsi la fiducia e la stima di amici del genere. Ma per questo è necessario che la smetta di nutrire la sua paranoia e pensare che se le cose vanno male è sempre colpa degli altri o di qualche ente dotato di super poteri.

“Magari c’è qualcosa di te che devi cambiare, anche a cinquant’anni si può avere tanto da imparare… e si può ancora crescere tantissimo. E smettila di vendere sigarette! Sono un prodotto delle multinazionali. Ci avvelenano, come le Scie chimiche”.

Ti potrebbero interessare anche...

Commenti

commenti

Precedente L'evoluzione per selezione naturale non è "solo" una teoria Successivo Violenza giovanile, tutta colpa dei videogame? #riparliamone